• giovedì , 19 ottobre 2017

Ancora nebbia su formazione e ruolo dei docenti di sostegno

Le numerose perplessità sul sistema integrato di educazione e di istruzione dalla nascita fino ai sei anni e sul futuro degli insegnanti di sostegno

di Antonio Santoro

 

Abstract. Dalle disposizioni dei recenti Atti del Governo n. 378 e n. 380 l’esigenza di provvedimenti, proposte e percorsi attuativi di qualità

Argomenti. Schema di decreto  legislativo n. 380 e 378; il sistema educativo di istruzione e formazione; la riforma e il futuro della scuola per l’infanzia; l’inclusione scolastica degli studenti con disabilità; ruolo e formazione degli insegnanti di sostegno

 

Leggevo nei giorni scorsi gli Atti del Governo n. 380 (Schema di decreto legislativo recante istituzione del sistema integrato di educazione e di istruzione dalla nascita sino ai sei anni)  e n. 378 (Schema di decreto legislativo recante norme per la promozione dell’inclusione scolastica degli studenti con disabilità), e tornavano di continuo alla mente considerazioni e perplessità già espresse sulle pagine di questa rivista, nell’ottobre 2015 (v. A. Santoro, Scuola dell’infanzia: ritorno al passato?, Scuola e Amministrazione, n. 10, Ottobre 2015, pp. 7-8) e nel gennaio 2016 (v. A. Santoro, Professionalità per l’inclusione, Scuola e Amministrazione, n. 1, Gennaio 2016, pp.11-12), a proposito della decisione di istituire il “sistema integrato di educazione e di istruzione dalla nascita fino ai sei anni, costituito dai servizi educativi per l’infanzia e dalle scuole dell’infanzia” (Legge 13 luglio 2015, n. 107, art. 1, comma 181, lett. e), e delle prospettive annunciate in relazione al ruolo e alla formazione iniziale degli insegnanti di sostegno.

PER CONTINUARE A LEGGERE QUESTO ARTICOLO DEVI ESSERE ABBONATO! Clicca qui per sottoscrivere l’abbonamento

Comments are closed.