• giovedì , 14 Novembre 2019

Assegnazione di sede provvisoria

di Fabio Scrimitore

Il quesito, redatto da una insegnante di scuola dell’infanzia, riguarda l’assegnazione della sede provvisoria, disposta ai sensi della Legge n. 104/1992.

L’autrice del quesito è una docente che ha stipulato un contratto per incarico a tempo indeterminato per l‘insegnamento nella scuola dell’infanzia d’un Comune di provincia diversa da quella in cui risiede. L’insegnante ritiene che, all’atto dell’assegnazione della sede provvisoria, risalente al settembre del 2011, abbia sofferto le conseguenze d’un provvedimento dell’Ufficio scolastico regionale  da lei considerato illegittimo.

In sostanza, l’insegnante avrebbe avuto diritto di vedersi assegnata, nel settembre del 2011, una scuola della sua provincia di residenza; tanto sarebbe avvenuto se l’Ufficio scolastico regionale avesse rispettato, come sarebbe stato suo obbligo, l’annuale circolare con la quale il Ministero disciplina la procedura che deve essere seguita per il conferimento delle nomine in ruolo.

PER CONTINUARE A LEGGERE QUESTO ARTICOLO DEVI ESSERE ABBONATO! Clicca qui per sottoscrivere l’abbonamento