• venerdì , 10 Luglio 2020

Certificazione delle competenze

di Fabio Scrimitore

Il quesito, formulato da un docente, riguarda il modello sperimentale di scheda per la certificazione delle competenze al termine del primo ciclo di istruzione.

Con il quesito, l’autore si è riferito alla Circolare ministeriale n. 3, prot. n. 1235, del 13 febbraio 2015, con la quale il Ministero ha dato indicazioni per consentire ai Dirigenti delle scuole del primo ciclo di istruzione di adottare, naturalmente con il libero concorso dei Collegi dei docenti, i due modelli sperimentali di scheda, proposti da viale Trastevere, per la certificazione delle competenze degli alunni della V classe di scuola primaria e di III classe di scuola secondaria di primo grado. Si potrà ricordare, al riguardo, che la certificazione delle competenze è stata prevista, per la prima volta, dall’art. 10 del Regolamento sull’autonomia, approvato con il D.P.R. n. 275, dell’8 marzo 1999, nel cui terzo comma sta scritto che: Con decreto del Ministro della Pubblica Istruzione sono adottati i nuovi modelli per le certificazioni, le quali indicano le conoscenze, le competenze, le capacità acquisite ed i crediti formativi riconoscibili, compresi quelli relativi alle discipline ed alle attività realizzate nell’ambito dell’apprendimento dell’offerta formativa o liberamente scelte dagli alunni e debitamente certificate.

E’ noto, peraltro, che il Regolamento sulla valutazione, approvato con il D.P.R. n. 122 del 22 giugno 2009, ha precisato che: Con decreto del Ministro sono adottati i modelli per le certificazioni relative alle competenze acquisite dagli alunni dei diversi gradi e ordini dell’istruzione e si provvede ad armonizzare i modelli stessi alle disposizioni di cui agli articoli 2 e 3 del decreto-legge ed a quelle del presente decreto.

L’autore del quesito si è riferito, in particolare, al brano conclusivo della citata circolare del 2015, nel quale il Ministero ha indicato la seguente procedura per l’adozione dei modelli di certificazione delle competenze:

PER CONTINUARE A LEGGERE QUESTO ARTICOLO DEVI ESSERE ABBONATO! Clicca qui per sottoscrivere l’abbonamento