• venerdì , 10 Luglio 2020

Dematerializzazione, trasparenza e tipologie di procedimento

di Marco Graziuso

Come pianificare e organizzare il passaggio al digitale in base al CAD

 

Sta destando confusione e generando qualche equivoco la notizia secondo la quale la famigerata scadenza del 12 agosto 2016, prevista dal DPCM del 13/11/2014 (G.U. del 12/01/2015), riguardante “Regole tecniche in materia di formazione, trasmissione, copia, duplicazione e validazione temporale dei documenti informatici … del Codice dell’Amministrazione Digitale di cui al D.Lgs. n. 82/2005”, sia stata prorogata o addirittura cancellata.

Stiamo ai fatti. Secondo il citato DPCM le Pubbliche Amministrazioni “adeguano i propri sistemi di gestione informatica dei documenti entro e non oltre diciotto mesi dall’entrata in vigore del presente decreto” (trenta giorni dalla data di pubblicazione in G.U.).

La Commissione Affari Costituzionali, nel parere che ha espresso in data 03/08/2016, propone di sospendere l’efficacia dello stesso DPCM per consentire all’emanazione di nuove regole tecniche pienamente in linea con le modifiche da apportare al CAD, da armonizzare con le disposizioni adottate a livello europeo.

PER CONTINUARE A LEGGERE QUESTO ARTICOLO DEVI ESSERE ABBONATO! Clicca qui per sottoscrivere l’abbonamento