• martedì , 18 giugno 2019

Dipendente Ata e insegnante: si può?

L’assegnazione della cattedra ad un dipendente Ata ad anno in corso, e fino al 30 giugno, è legittima? E cosa può fare il D.S. per far valere la sua decisione?

di Fabio Scrimitore

 

Abstract

 Il Dirigente scolastico di un istituto assegna ad un dipendente Ata a tempo indeterminato della stessa scuola un incarico di insegnamento. Al contratto di supplenza, stipulato il 17 gennaio 2019, viene assegnata la scadenza del 30 giugno 2019. La Ragioneria Territoriale dello Stato contesta però l’assegnazione della cattedra, che, per motivi diversi, violerebbe le prescrizioni del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro e il Decreto ministeriale n. 430 del 2000.      

PER CONTINUARE A LEGGERE QUESTO ARTICOLO DEVI ESSERE ABBONATO! Clicca qui per sottoscrivere l’abbonamento