• venerdì , 22 Novembre 2019

Educare alla ricerca ai tempi di Internet

a cura di Rita Bortone

Ricordo di aver discusso con molte persone di scuola, nel corso della mia vita professionale, sulla questione di cosa sia più importante sul piano formativo, se il contenuto o il metodo. E ricordo di aver dissentito dai sostenitori dell’una e dell’altra tesi. Ho sempre pensato infatti che acquisire metodi (di studio, di comprensione, di ricerca, di interazione….) sia fondamentale nella vita, ma ho sempre pensato anche che l’acquisizione di metodi, nella scuola, possa e debba passare solo attraverso l’acquisizione di contenuti rilevanti, trasferibili, non nozionistici.

L’inefficacia formativa della scuola fa oggi rilevare carenze molto gravi relative sia ai contenuti che ai metodi. E’ una modernità strana, quella della nostra scuola, che potenzia gli strumenti tecnologici di accesso al sapere ma ne impoverisce gli strumenti cognitivi. Sicché accade che internet offra risorse ampie come mai prima, ma a fronte di tali risorse non siano poi forniti i mezzi per fruirne.
PER CONTINUARE A LEGGERE QUESTO ARTICOLO DEVI ESSERE ABBONATO! Clicca qui per sottoscrivere l’abbonamento