• martedì , 14 Luglio 2020

Esami di Stato istruzione secondaria superiore – a.s. 2013/2014

Adempimenti organizzativi 

(nota MIUR pro. 2946 del 6 maggio 2014)

(a.s.)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dirigente scolastico

 * Predisposizione di “locali pienamente idonei allo svolgimento degli esami, procurando che gli stessi, oltre che praticabili sotto il profilo della sicurezza, dell’agibilità e dell’igiene, si presentino dignitosi e accoglienti e offrano un’immagine della Scuola decorosa e consona alla particolare circostanza”; * messa a disposizione di ciascuna Commissione:- “di un armadio metallico, adatto allo scopo, entro cui custodire la documentazione relativa ai candidati, gli atti, gli elaborati, i registri e gli stampati”;- di “fotocopiatrici perfettamente funzionanti e dotate di toner e di carta in quantità sufficiente”;- “di computer collegati alla rete Internet e delle relative stampanti, in uso nelle rispettive scuole”; 

* tempestivo avviso ai “candidati che è assolutamente vietato, nei giorni delle prove scritte, utilizzare a scuola telefoni cellulari di qualsiasi tipo (comprese le apparecchiature in grado di inviare fotografie e immagini), nonché dispositivi a luce infrarossa o ultravioletta di ogni genere, e che nei confronti di coloro che fossero sorpresi ad utilizzarli è prevista, secondo le norme vigenti in materia di pubblici esami, la esclusione da tutte le prove”.

 

 

 

 

Ufficio

 

di segreteria

 

 

* Mettere “a disposizione, per le esigenze operative delle Commissioni, il telefono, il fax, le attrezzature e i mezzi di comunicazione in dotazione” e “assicurare “un’attività continua e puntuale di assistenza e di supporto alle Commissioni, programmando e garantendo la presenza e la collaborazione di personale amministrativo, tecnico e ausiliario, opportunamente sensibilizzato all’assolvimento degli specifici compiti connessi allo svolgimento delle operazioni di esame”;* “preparare, con ragionevole anticipo, gli atti, i documenti, gli stampati e il materiale di cancelleria occorrenti alle Commissioni per l’espletamento del loro mandato”.

Scarica qui l’articolo in pdf