• giovedì , 14 Novembre 2019

Il Pinocchio di Latella contro le ipocrisie degli adulti

L’antico romanzo di formazione attuale come non mai, tra spruzzte di dark e citazioni dantesche

 

di Vincenzo Sardelli


PINOCCHIO

da Carlo Collodi

drammaturgia Antonio Latella, Federico Bellini, Linda Dalisi

regia Antonio Latella

scene Giuseppe Stellato

costumi Graziella Pepe

luci Simone De Angelis

musiche e suono Franco Visioli

 

Personaggi e interpreti (in ordine alfabetico)

Arlecchino/Gatto/Padrone del Carro                                                 Michele Andrei

Fata/Maestro Ciliegia/Donnina/Tonno                                             Anna Coppola

Pulcinella/Volpe                                                                                      Stefano Laguni

Pinocchio                                                                                                  Christian La Rosa

Grillo                                                                                                          Fabio Pasquini

Musico                                                                                                       Matteo Pennese

Colombina/Pulcino/Merlo/Ostessa                                                     Marta Pizzigallo

Grosso Colombo/Lumaca                                                                      

Geppetto/Mangiafuoco/Giudice                                                          Massimiliano Speziani

Pescatore Verde/Padrone del Circo                                                   

produzione Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa

 

Fotografie Brunella Giolivo, Masiar Pasquali

 

INFO:  www.piccoloteatro.org, www.stabilemobile.com/

ETÀ: ultimo triennio scuola superiore

 

 

Pinocchio-secondo-Antonio-Latella-foto-Brunella-GiolivoIl naso di Pinocchio come espressione della menzogna radicale. Come discrimine tra l’innocenza infantile e un mondo adulto perverso e inquietante. Scavalca persino l’originale collodiano, Antonio Latella. Che in prima assoluta al Teatro Strehler di Milano propone un Pinocchio naïf, che deve difendersi da adulti orribili, egoisti, infidi, privi d’empatia anche nei rapporti familiari più stretti. Il naso di Pinocchio in Latella è come un tronco di sequoia. Emblema non solo della bugia in senso lato, ma del disagio esistenziale personale. Assomiglia a un faro, ma in orizzontale: non obelisco verso l’assoluto ma trave smisurata sulle nostre teste. Proteso verso gli spettatori, il naso ligneo è indice puntato sulle nostre défaillance di adulti, una minaccia alla nostra tranquillità.

PER CONTINUARE A LEGGERE QUESTO ARTICOLO DEVI ESSERE ABBONATO! Clicca qui per sottoscrivere l’abbonamento