• venerdì , 10 Luglio 2020

Il trasferimento di alunni fra scuole diverse

 

di Fabio Scrimitore

Il quesito riguarda l’applicazione della circolare n.22 del 21 dicembre 2015

Il quesito è stato espresso telefonicamente dalla madre d’uno studente iscritto alla classe 1^ di liceo classico statale e riguarda la definizione della procedura prescritta per il trasferimento di alunni fra scuole diverse.

 

Se, a conclusione di questo brevissimo periodo di prova, il giovanetto constaterà che lo stile di questo Liceo presenta aspetti che non concordano con le sue convinte aspirazioni, non sarò certo io a rifiutarmi di concedere il nulla-osta, in modo che suo figlio possa chiedere di frequentare la prima classe d’altro istituto, che voi definite “di famiglia”…

Così, quasi con amorevole spirito paterno, si era espresso il Preside del rinomato liceo classico, rispondendo alla madre d’un ragazzo che si era iscritto al Liceo diretto dallo stesso Preside. Era il 22 febbraio del 2016 il giorno  in cui lo studente aveva convinto la mamma a presentare domanda on line, per poter essere ammesso a frequentate il 15 settembre successivo il citato Liceo, adeguandosi alla circolare ministeriale n. 22 del 21 gennaio precedente, con la quale il Ministero aveva dato le necessarie istruzioni  per la presentazione e per il conseguente accoglimento delle domande di iscrizione alle prime classi dei diversi corsi di studio.

PER CONTINUARE A LEGGERE QUESTO ARTICOLO DEVI ESSERE ABBONATO! Clicca qui per sottoscrivere l’abbonamento