• lunedì , 10 Agosto 2020

La plusdotazione entra a scuola

Chi sono i bambini plusdotati, come riconoscerli e valorizzarli?

Background teorico e metodologico del primo Laboratorio Italiano di Ricerca e Intervento per lo Sviluppo del Potenziale, del Talento e della Plusdotazione: il LabTalento

di Maria Assunta Zanetti*

Maria assunta Zanetti
Professoressa presso il Dipartimento di Scienze del Sistema Nervoso e del comportamento, Università di Pavia;
direttrice del Lab Talento (Laboratorio italiano di ricerca e sviluppo del Talento, del Potenziale e della Plusdotazione) e responsabile scientifica della Rete “Alto Potenziale”

Da 10 anni il Lab Talento dell’Università di Pavia svolge attività di ricerca e di intervento nell’ambito della valorizzazione del potenziale, del talento e della plusdotazione. Studi e ricerche sono condotte non solo per il riconoscimento e la valutazione di bambini e adolescenti con un quoziente di intelligenza al di sopra della media (superiore a130), ma soprattutto per sviluppare strumenti e pratiche per accompagnare e supportare sia a livello individuale, familiare che scolastico bambini e ragazzi dotati di elevato potenziale cognitivo o in possesso di un talento o di un’abilità specifica in un campo. Dal 2012 a Pavia la Rete La scuola educa il talento è impegnata a innalzare il livello di conoscenza sul tema e creare una rete con le altre strutture territoriali e universitarie per costruire percorsi educativi e didattici personalizzati e inclusivi, capaci di accogliere le specificità di ciascuno con un’attenzione allo sviluppo integrale della persona favorendo lo sviluppo di relazioni interpersonalipositivi.

PER CONTINUARE A LEGGERE QUESTO ARTICOLO DEVI ESSERE ABBONATO! Clicca qui per sottoscrivere l’abbonamento