• lunedì , 19 novembre 2018

Prevenzione e contrasto di bullismo e cyberbullismo: un approccio di sistema

Fronteggiare la violenza a scuola è una sfida giuridico-educativa sempre più attuale: dalle istituzioni gli strumenti per affrontarla

Di Giuseppe Zavettieri *

 

Abstract

Bullismo e cyberbullismo: due facce della stessa medaglia, che trova nell’uso smodato del web una nuova arma. Le istituzioni scolastiche, le autorità e le famiglie sono i soggetti chiamati ad arginare il fenomeno, con iniziative di controllo e prevenzione, da mettere nero su bianco nei documenti ufficiali, e da attuare giorno dopo giorno.

 

Il bullismo e il  cyberbullismo a scuola sono in costante aumento e, non di rado, danno origine a epiloghi tragici che coinvolgono ragazzi sempre più giovani, se non addirittura in età da scuola primaria.

Detti fenomeni, di solito, vengono messi in atto da parte di soggetti che presentano un disturbo della condotta che, in alcuni casi, si può trasformare in un disturbo sociale. Andando avanti negli anni aumentano le possibilità che gli stessi agiscano trasgredendo alle norme, ponendo in essere atti delinquenziali con assunzione di droghe, risse, furti, molestie.

Da apposite indagini, risulta che gli episodi di bullismo e di cyberbullismo più frequenti sono le espressioni offensive e le prese in giro, sia nei locali della scuola sia, una volta a casa, in rete attraverso l’uso dei social network. Inoltre, non sono pochi i testimoni diretti di episodi di bullismo a scuola; nella metà dei casi, però, nessuno ha avuto il coraggio di intervenire per difendere la malcapitata vittima di turno. Contro il bullismo e il cyberbullismo a scuola, però, si può fare molto: la palla, a questo punto, passa ai genitori e agli educatori, nonché al sistema scolastico nel suo complesso.

Ciò premesso, vale la pena ricordare che, in concomitanza con l’avvio del nuovo anno scolastico, ogni istituzione è impegnata a tracciare le linee progettuali che andranno a sostanziare il Piano dell’Offerta Formativa per il triennio 2019/2022.

PER CONTINUARE A LEGGERE QUESTO ARTICOLO DEVI ESSERE ABBONATO! Clicca qui per sottoscrivere l’abbonamento