• domenica , 18 agosto 2019

Siti web delle istituzioni scolastiche

Obbligatorietà del dominio gov.it e requisiti di accessibilità

di Pasquale Annese

Premessa

Nel numero di marzo evidenziavamo la necessità di definire con maggiore puntualità alcune questioni legate al concetto di trasparenza, così come definito dal D.Lgs. 14 marzo 2013, n.33, successivamente novellato dalla Legge 69/2003, c.d. decreto del fare, e inteso come accessibilità totale che si estrinseca anche attraverso la pubblicazione sui siti istituzionali di documenti, informazioni e dati concernenti gli aspetti organizzativi e le attività delle pubbliche amministrazioni, allo scopo di favorire forme diffuse di controllo sull’operato delle stesse, nel rispetto dei principi costituzionalmente garantiti di buon andamento e imparzialità.

In questo numero analizzeremo proprio gli aspetti inerenti alla creazione e alla gestione dei siti web delle istituzioni scolastiche. In particolare, cercheremo di dare risposta alle domande che più frequentemente ricorrono negli ambienti scolastici.

Le istituzioni scolastiche sono obbligate ad istituire siti con dominio gov.it? Quali requisiti di accessibilità tali siti devono rispettare? Quali sono le procedure da attivare? Quali le informazioni, i dati, ed i documenti da pubblicare? In che maniera ed in che misura tale pubblicazione si differenzia dalla pubblicazione dall’albo on-line? Devono essere nominati i responsabili di pubblicazione dei contenuti e dell’accessibilità del sito web? Chi potrebbe ricoprire questi incarichi?

I siti web istituzionali: strumenti serventi dell’anticorruzione e della trasparenza amministrativa

                I siti web delle istituzioni scolastiche, al pari di quelli di tutte le amministrazioni pubbliche, non hanno più solo una finalità meramente divulgativa dell’offerta formativa della scuola, ma anche una precipua finalità comunicativa ed informativa sulle procedure e sulla qualità di erogazione dei servizi scolastici esprimibile in alcuni standard di qualità: accertata utilità, semplificazione dell’interazione tra amministrazione ed utenza, trasparenza dell’azione amministrativa, facile reperibilità e fruibilità dei contenuti, costante aggiornamento.

PER CONTINUARE A LEGGERE QUESTO ARTICOLO DEVI ESSERE ABBONATO! Clicca qui per sottoscrivere l’abbonamento