• lunedì , 16 settembre 2019

#SOStenibilmente, l’impronta positiva delle scuole

In 120 Comuni italiani e in 500 scuole arriva un’ondata green. Come? È tutto racchiuso in un “kit” da scoprire. Ad iniziare dal prossimo anno scolastico

 

Il Pianeta ha lanciato da tempo il suo SOS: se gli adulti non lo ascoltano, la “palla” passa ai più giovani, che, lo ha dimostrato l’ondata “Fridays for future”, si mostrano più reattivi a questo tipo di stimoli. È proprio sui giovani che punta “#SOStenibilmente”: un progetto in partenza in 120 Comuni italiani all’inizio del prossimo anno scolastico, per dare agli studenti gli strumenti pratici per trasformare la coscienza ecologica personale nello stile di vita di una comunità.

 

// IL CONTESTO

Riscaldamento globale e cambiamenti climatici: problemi reali racchiusi in parole usate e abusate, mentre all’allarme si risponde con lentezza, troppa perché il Pianeta possa avere buone prospettive davanti a sé.

L’Agenda 2030, promossa dalle Nazioni Unite, fissa 17 obiettivi comuni per lo Sviluppo sostenibile, da raggiungere entro poco più di 10 anni: tra questi, “città e comunità sostenibili” (obiettivo n. 11) e “consumo e produzione responsabili” (obiettivo n. 12).

“Obiettivi comuni – specifica l’ONU – significa che essi riguardano tutti i Paesi e tutti gli individui: nessuno ne è escluso, né deve essere lasciato indietro lungo il cammino necessario per portare il mondo sulla strada della sostenibilità”.

Oggi gli adolescenti hanno una conoscenza discreta ma generica delle tematiche ambientali (il 50% conosce le cause delle polveri sottili, secondo l’indagine “Adolescenza e Ambiente di Vita” realizzata da Associazione Laboratorio Adolescenza  e Legambiente nel 2017), si dichiarano molto interessati all’ambiente (il 68,5%), ma fanno poco per cambiare la situazione (solo 12% è iscritto a un’associazione di tutela ambientale, dice l’Analisi dei bisogni: scuola ed educazione ambientale di ARPA Veneto, 2014)

 

// IL PROGETTO

Il team di #SOStenibilmente

#SOStenibilmente si inserisce proprio in questo quadro, con obiettivi a breve scadenza e un’area d’azione ben delimitata. Destinatari ed attori del progetto, come accennato in precedenza, sono innanzitutto i giovani: gli alunni della scuola primaria e gli studenti della scuola secondaria di primo e secondo grado, chiamati ad essere motori del cambiamento ecologico, trascinando con sé insegnanti, genitori e istituzioni in una nuova visione di mobilità, gestione dei rifiuti, inquinamento, economia circolare, salute degli oceani.

“Comprendere” e “agire” sono invece le due direttive lungo le quali si muoveranno le classi che sceglieranno di aderire al progetto, in partenza a settembre 2019, impegnandosi in un cammino che, tra studio e momenti ludici, le accompagnerà fino alla fine dell’anno scolastico.

Il riferimento costante sarà alla realtà quotidiana: ragazzi e insegnanti, sempre supportati dai partner dell’iniziativa, si concentreranno sull’impatto della vita umana sull’ambiente, sui modi in cui ogni giorno ciascuno di noi lascia la sua “impronta” sul mondo.

 

Alle scuole aderenti verrà fornito a settembre un “kit didattico” con contenuti differenziati per età:

  • scuole primarie: focus sulle abitudini domestiche, per spingere anche le famiglie degli alunni  a una svolta ecologica nei consumi e nello stile di vita;
  • scuole secondarie di primo grado: il terreno d’azione è il quartiere di riferimento, ambiente scolastico compreso;
  • scuole secondarie di secondo grado: sotto la lente una porzione di territorio più vasta, quella del contesto in cui operano la scuola, le associazioni di volontariato, le imprese, gli amministratori pubblici e i mass media, tutti organi chiamati in causa in incontri ed eventi congiunti.

 

Parallelamente, i docenti interessati all’iniziativa riceveranno gli strumenti per porsi come leader dei giovani ecologisti: corsi di formazione ed una guida allo svolgimento delle diverse iniziative.

Concluso il percorso del “comprendere”, gli studenti dovranno “agire”, farsi loro stessi portavoce dell’urgenza di cambiare radicalmente abitudini, frenando attività altamente impattanti ed adottando comportamenti responsabili: sostenibili, appunto.

Alla fine dell’anno scolastico, il 5 giugno 2020, le scuole che hanno agito #SOStenibilmente si faranno promotrici della coscienza green, con eventi dedicati ad illustrare alla comunità di riferimento i percorsi sviluppati.

 

#SOStenibilmente è completamente gratuito per le scuole, grazie al cofinanziamento dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo. Il progetto è realizzato da CIFA ONLUS, Legambiente, Associazione A come Ambiente, COREP – Consorzio per la Ricerca e l’Educazione Permanente, Associazione Italia che cambia, ACHAB srl, Università di Torino, La Stampa, Regione Piemonte, Comune di Torino, Comune di Lecce, Comune di Mirano (Venezia), Comune di Falconara Marittima (Ancona), Comune di Figline-Incisa Val D’Arno (Firenze), Comune di Marsciano (Perugia), Comune di Narni (Terni), Comune di Bitonto (Bari).

Maggiori informazioni sul progetto e sulle modalità di adesione (disponibilità limitata) su  https://www.cifaong.it/sostenibilmente.pdf, su Facebook o all’indirizzo e-mail SOStenibilmente@cifaong.it.