• venerdì , 15 Novembre 2019

Storie della buonanotte per bambine ribelli. 100 vite di donne straordinarie

Un caso editoriale mondiale. Il più imponente crowdfunding mai raggiunto per un libro. Che abbattere gli stereotipi di genere

a cura di Enrica Bienna

E’ necessario intervenire prima che attecchiscano nelle bambine gli stereotipi di genere che condizioneranno la loro vita e le loro future scelte

Consigliato a:

tutte le bambine, a cui è privilegiatamente  destinato, e, perché no, tutti i bambini, i loro genitori ed i loro  educatori.

Il tema è di quelli che non finiranno mai di interessarci e coinvolgerci: la parità di genere,  la costruzione dell’identità femminile, la lotta agli stereotipi di genere. Sono punti fermi in quell’universo valoriale che condividiamo come genitori, figli ed educatori. O almeno, così speriamo. Perciò accogliamo sempre con entusiasmo ogni nuovo  libro destinato alle bambine e ai bambini che, messo direttamente nelle loro mani, li diverta e faccia loro sognare un futuro possibile, un destino realizzabile per ognuno, indipendentemente dal sesso.

Le “Storie della buonanotte per bambine ribelli” nasce da un’idea non del tutto nuova: presentare alle bambine  modelli femminili di riferimento in cui identificarsi, un repertorio di donne famose e non, unite dalla comune volontà di realizzarsi, di combattere, di decidere del loro destino. La stessa idea che  anima, ad esempio, “Cattive ragazze. Quindici storie di donne audaci e creative”, una interessante e ben fatta graphic  novel destinata a ragazze e ragazzi, che abbiamo già presentato in questa rubrica. La convinzione di fondo , in tutti e due i casi, è che occorra intervenire prima che attecchiscano nelle bambine gli stereotipi di genere che condizioneranno la loro vita e le loro future scelte.

E’ comunque un dato di fatto positivo  la richiesta  sempre maggiore,  da parte dei genitori, di libri per l’infanzia che educhino i bambini  al “rispetto per le donne”, e li  liberino da conformismi e pregiudizi .

Qui però siamo di fronte ad un vero e proprio caso editoriale: un libro per bambine che parla di donne e dei loro destini, rimasto per mesi in testa alle classifiche dei libri più venduti in Italia.

Ma anche la storia del libro è particolare: nasce infatti  grazie ad una somma da record (più di un milione di dollari) raccolta tramite il crowfounding in oltre settanta Paesi del mondo da due trentenni italiane trapiantate in America: Elena Favilli, imprenditrice e giornalista professionista, e Francesca Cavallo, autrice e regista teatrale. Sono donne innovative, guardano al futuro usando le potenzialità delle nuove tecnologie, credono nel potere dell’immaginazione, dell’incontro, della comunità. Sono le fondatrici di TIMBUCTU LABS, un laboratorio di innovazione dei media per l’infanzia  con dodici applicazioni mobili, che conta due milioni di utenti in oltre settanta Paesi.

PER CONTINUARE A LEGGERE QUESTO ARTICOLO DEVI ESSERE ABBONATO! Clicca qui per sottoscrivere l’abbonamento

PER CONTINUARE A LEGGERE QUESTO ARTICOLO DEVI ESSERE ABBONATO! Clicca qui per sottoscrivere l’abbonamento