• venerdì , 23 agosto 2019

Sulla vigilanza degli alunni al termine delle lezioni

Il commento della sentenza della Corte di Cassazione n. 21593, del 23 maggio 2017, diramando il polverone

 

di Fabio Scrimitore

 

Abstract

 Per i docenti e i collaboratori scolastici sussiste l’ obbligo della vigilanza sugli alunni anche al di fuori del perimetro della scuola, fino a quando gli stessi non vengano prelevati dai genitori o salgano sui mezzi di trasporto pubblici. A condizione, però, che tale obbligo sia espressamente previsto da una disposizione del Regolamento d’ istituto.

 

Back View Of Teenage School Boy Wearing White T-shirt And Cap Wi Ci sono stati dei tempi,  in verità un po’ lontani, nei quali la vita sociale della Nazione, dalle Alpi a Pantelleria, era illuminata dalle parole del vate, il poeta animato da civile spirito profetico, al quale,  per il tono elevato o per l’alta ispirazione civile della sua poesia, veniva accordata la massima considerazione. Erano i tempi del Parini, vissuti fra le non molto sicure vie della città lasciva d’evirati cantori allettatrice; del Manzoni, che tacque davanti al genio di Napoleone, pur vedendolo folgorante in solio; del Carducci, atteso oltre appennin dalla sua Titti, che mangiava altro che bacche di cipresso; ed erano anche i tempi  del  D’Annunzio, che fra  Sirmione e Ronchi dei Legionari seppe fare ombra persino al suo invidioso mecenate di Predappio.  Ai vati,  allora, le genti si affidavano, come i marinai alla stella polare, per seguirne fiduciosamente i suggerimenti morali.

PER CONTINUARE A LEGGERE QUESTO ARTICOLO DEVI ESSERE ABBONATO! Clicca qui per sottoscrivere l’abbonamento

PER CONTINUARE A LEGGERE QUESTO ARTICOLO DEVI ESSERE ABBONATO! Clicca qui per sottoscrivere l’abbonamento