• sabato , 15 Agosto 2020

Certificazione delle competenze nelle scuole del I ciclo d’istruzione

Un percorso di ricerca-sperimentazione sui nuovi modelli

a cura di Antonio Santoro

 

Con circolare n. 3 del 13 febbraio u.s., è stata formalizzata la proposta del MIUR alle scuole di adozione sperimentale di due nuovi modelli nazionali di certificazione delle competenze acquisite dagli alunni al termine della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado.

Le caratteristiche dei modelli proposti sono riassunte dalla CM n. 3 nei seguenti “termini essenziali:

– ancoraggio delle certificazioni al profilo delle competenze definito nelle Indicazioni Nazionali vigenti (DM n. 254/2012);

– riferimento esplicito alle competenze chiave individuate dall’Unione Europea, così come recepite nell’ordinamento italiano;

– presentazione di indicatori di competenza in ottica trasversale, con due livelli di sviluppo (classe quinta primaria, classe terza secondaria I grado);

– connessione con tutte le discipline del curricolo, evidenziando però l’apporto specifico di più discipline alla costruzione di ogni competenza;

– definizione di 4 livelli, di cui quello “iniziale” predisposto per favorire una adeguata conoscenza e valorizzazione di ogni allievo, anche nei suoi progressi iniziali e guidati (principio di individualizzazione);

– mancanza di un livello negativo, attesa la funzione pro-attiva di una certificazione in progress delle competenze che, nell’arco dell’obbligo, sono in fase di acquisizione;

– presenza di uno o due spazi aperti per la descrizione di competenze ad hoc per ogni allievo (principio di personalizzazione);

– sottoscrizione e validazione del documento da parte dei docenti e del dirigente scolastico, con procedimento separato rispetto alla conclusione dell’esame di Stato;

– presenza di un consiglio orientativo, affidato alla responsabile attenzione dei genitori”.

 

La stessa circolare ministeriale precisa poi:

PER CONTINUARE A LEGGERE QUESTO ARTICOLO DEVI ESSERE ABBONATO! Clicca qui per sottoscrivere l’abbonamento