• sabato , 22 Febbraio 2020

" GIURISPRUDENZA "

Cittadinanza e Costituzione: una occasionale lezione

Cittadinanza e Costituzione: una occasionale lezione

Una lettura ragionata dell’Articolo 75 della Carta costituzionale, alla luce della recente senteza del 15 Gennaio scorso sul referendum abrogativo di Fabio Scrimitore Abstract La Corte Costituzionale, ha dichiarato inammissibile il referendum popolare abrogativo di una legge quando si ricorra ...

Leggi tutto

Sulla serenità dei rapporti scuola-famiglia

Sulla serenità dei rapporti scuola-famiglia

Un’analisi a latere della sentenza della Corte di Cassazione che depenalizza le “offese” di Fabio Scrimitore Abstract Passeggiando per le strade di Atene, Socrate insegnava ai suoi discepoli a cogliere il senso della bellezza, a discernere il bene dal male, ...

Leggi tutto

Assenze e visite fiscali

Assenze e visite fiscali

Ricognizione normativa e lettura integrata delle disposizioni ministeriali, per una interpretazione semplificata. Il modulo per le comunicazioni di Marco Graziuso Abstract In osservanza del Decreto del Ministero per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione n. 206 del 17.10.2017, riguardante il ...

Leggi tutto

Recenti pareri del Consiglio superiore della Pubblica istruzione

Recenti pareri del Consiglio superiore della Pubblica istruzione

Il CSPI ha espresso i seguenti pareri in adunanza plenaria: Regolamento sulla gestione amministrativo-contabile delle scuole, in sostituzione del D.I. n. 44/2001; Direttiva sullo sviluppo del Sistema Nazionale di Valutazione; Sistema degli esami di stato del primo ciclo; Certificazione delle ...

Leggi tutto

Consiglio di Stato: niente “bonus” per educatori e ATA

Consiglio di Stato: niente “bonus” per educatori e ATA

Una recente sentenza conferma quanto disposto dalla legge sulla Buona scuola per la formazione “obbligatoria, permanente e strutturale” dei soli docenti di ruolo di Agata Scarafilo   Abstract Il Consiglio di Stato, con sentenza n. 4107, pubblicata il 18 giugno ...

Leggi tutto

Tempi duri  per chi non rispetta l’orario di lavoro

Tempi duri  per chi non rispetta l’orario di lavoro

Arrivare in ritardo o adeguare i tempi di lavoro alla propria vita personale può costare una sanzione disciplinare, anche se il debito orario viene poi recuperato  di Agata Scarafilo   Abstract L’orario di lavoro non è modificabile unilateralmente dal lavoratore ...

Leggi tutto