• giovedì , 17 Ottobre 2019

Controlli biometrici per i dirigenti scolastici: cui prodest?

È risaputo che i DS non hanno un orario di lavoro prestabilito: ma allora, ha davvero senso controllarne la presenza all’interno della scuola con sistemi tanto sofisticati quanto costosi?   

di Fabio Scrimitore  

  

Abstract

Il controllo della presenza dei dirigenti scolastici con strumentazioni biometriche è tanto necessario per la scuola italiana quanto lo fu la polena per la grandezza della Grande y Felicisima Armada di Filippo II di Spagna. Forse, però, non pochissimi benpensanti riusciranno a intuire il motivo per cui questo genere di controllo non sia stato esteso al personale della carriera prefettizia e diplomatica. Chissà se – melius re perpensa – il legislatore non decida di ritornare sui suoi passi, restituendo così ai dirigenti scolastici la stessa dignità professionale riconosciuta ai dirigenti del Viminale o della Farnesina.

  PER CONTINUARE A LEGGERE QUESTO ARTICOLO DEVI ESSERE ABBONATO! Clicca qui per sottoscrivere l’abbonamento