• giovedì , 14 Novembre 2019

Formazione delle cattedre

Il quesito riguarda la composizione delle cattedre con più insegnamenti ed il corrispondente diritto dell’insegnante ad esservi assegnato.

Il quesito è stato formulato da una professoressa che ha lo status di incaricata a tempo indeterminato per la classe di concorso A049 (matematica e fisica), la quale  intende sapere se un docente di ruolo nella A049 (matematica e fisica) deve comunque insegnare sempre entrambe le discipline o se è possibile formare delle cattedre che comprendano solo l’insegnamento della matematica o della fisica.

Per rispondere al quesito bisogna rifarsi alle disposizioni che disciplinano la composizione delle cattedre.

In un passato abbastanza lontano, la struttura delle cattedre era determinata in maniera rigorosa da decreti ministeriali. In quel tempo si conoscevano soltanto le cattedre interne definite  normali,  perché si articolavano in modelli rigidi.

Quando venne il tempo della scuola secondaria di secondo grado aperta a tutti, il Ministero autorizzò la formazione delle cattedre-orario; lo fece allo scopo di dare stabilità alle scuole, componendo in organico di diritto gruppi di 18 ore (o di poco oscillanti intorno alle 18 ore), utilizzando ore di insegnamento comunque disponibili nell’istituto. L’iniziativa determinò l’immissione in ruolo di un amplissimo numero di insegnanti.

Poi l’istituto delle cattedre-orario si disarticolò in cattedre-orario interne e cattedre-orario esterne; le seconde comprendevano ore di insegnamento disponibili in più d’un istituto.

PER CONTINUARE A LEGGERE QUESTO ARTICOLO DEVI ESSERE ABBONATO! Clicca qui per sottoscrivere l’abbonamento