• sabato , 5 Dicembre 2020

Saga della “carta del docente”: le ultime modalità operative

sticker_generico_cardadocente_03-1Bonus docente: aumenta il carico di lavoro per DSGA e ATA. Entro il 28 aprile l’autocertificazione

L’autore analizza i nuovi adempimenti dettati dalla nota Miur prot. n. 5314 del 10 marzo 2017, in tema di rendicontazione delle spese, per l’aggiornamento e la formazione del docente di ruolo delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, nel periodo 1° settembre 2016 – 30 novembre 2016

 Argomenti: spese dichiarate in piattaforma periodo settembre/novembre 2016 – autodichiarazione – rinuncia spese sostenute – Sidi, carta del docente – indicazioni operative per docenti e segreterie scolastiche – modalità di rimborso delle somme dovute – iscrizione in bilancio – formazione erogata dalle scuole

Continua la saga del bonus docenti, grazie alla regia delle ben note menti illuminate, specializzate nel rendere complicata e farraginosa anche la cosa più semplice di questo mondo e a creare sempre nuovi intralci e problemi a segreterie già ingolfate, sull’orlo di una crisi di nervi, vere bombe a orologeria innescate, pronte a scoppiare da un momento all’altro, purtroppo tra l’indifferenza generale.

Dopo i precedenti interventi già effettuati su questa rivista, la nota prot. n° 5314 del 10/03/2017, emanata dalla Direzione Generale per le risorse umane e finanziarie –Ufficio VII  del MIUR, ci costringe ad un terzo lavoro per analizzare le nuove modalità operative per la rendicontazione delle spese, afferenti alle attività e strumenti per la formazione, effettuate dai docenti  nel periodo 1° settembre –30 novembre 2016, ad integrazione della nota n.3563 del 29.11.2016. PER CONTINUARE A LEGGERE QUESTO ARTICOLO DEVI ESSERE ABBONATO! Clicca qui per sottoscrivere l’abbonamento