• venerdì , 29 Maggio 2020

Gestione privacy

Articoli correlati

La tutela della privacy nella scuola – iDossier n.3
Privacy: le nuove linee guida del Garante

Bacheca normativa

Circolare n. 2 /2017 del Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione (cosiddetto FOIA): norme accesso civico geneeralizzato
Circolare n. 2 /2017 del Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione (cosiddetto FOIA): l’istituto dell’accesso civico “generalizzato” attribuisce a “chiunque” il “diritto di accedere ai dati e ai documenti detenuti dalle pubbliche amministrazioni, ulteriori rispetto a quelli oggetto di pubblicazione
 Delibera Autorità Nazionale Anticorruzione 13.04.2016, n. 430 Determinazione Linee guida sull’applicazione alle istituzioni scolastiche delle disposizioni di cui alla legge 6 novembre 2012, n. 190 e al decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33.
Garante Privacy – 18/03/2016 Scheda informativa sulla figura del Responsabile della protezione dei dati personali (Data Protection Officer)Il Garante per la protezione dei dati personali ha predisposto una
versione aggiornata della scheda informativa sulla figura del Responsabile
della protezione dei dati personali (Data Protection Officer) sulla base
della proposta di Regolamento COM(2012)11 concernente la “tutela delle
persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali e la libera
circolazione di tali dati” , come modificata a seguito dell’accordo
politico fra i co-legislatori europei (Parlamento europeo e Consiglio Ue).
Garante Privacy – 14/01/2016 I lavoratori devono essere informati.
Il datore di lavoro non può spiare le mail – Intervento di Antonello
Soro, Presidente Garante privacy
Trattamento dei dati da parte delle scuole: relazione del Garante L’Autorità Garante per la protezione dei dati personali ha presentato la Relazione sul diciottesimo anno di attività e sullo stato di attuazione della normativa sulla privacy.
Molti sono stati i chiarimenti richiesti in relazione al trattamento di dati personali effettuato nell’ambito dell’istruzione scolastica ed universitaria.
Garante della Privacy – 15/05/2015 Privacy e lavoro: il nuovo vademecum sulle regole per il corretto trattamento dei dati personali dei
lavoratori da parte di soggetti pubblici e privati
ARAN Orientamento Applicativo del 24/04/2015  – Pubblicazione Compensi Accessori
Garante Privacy Albo pretorio on line – no ai dati personali pubblicati
troppo a lungo
Avviso 30 aprile 2015 Informativa per il trattamento dei dati personali degli alunni
MIUR – Nota prot. n° 2773 del 1° aprile 2015 Iscrizioni scolastiche – Modalità di trattamento dei dati raccolti dalle Istituzioni Scolastiche attraverso le procedure on line
Garanteprivacy – news del 09/02/2015 Nelle certificazioni rilasciate ai pazienti o ai loro accompagnatori per attestare la presenza in ospedale e
giustificare ad es. l’assenza dal lavoro, non devono essere riportate indicazioni della struttura presso la quale è stata erogata la prestazione,  il timbro con la specializzazione del sanitario, o comunque informazioni che possano far risalire allo stato di salute.
Garante Privacy – 19.02.2015 Parere sullo schema di provvedimento del Direttore
dell’Agenzia per l’accesso alla dichiarazione precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati, con relativi allegati tecnici (730 precompilato)
Garante Privacy – 06.10.2014 Lettera alle Scuole su Guida Social network
Garante privacy – 17/ 06/2014 Pagamenti con smartphone e tablet: più tutele per gli utenti – Al via le nuove regole del Garante privacy: tutele per i minori, profilazione solo con consenso, dati protetti
Delibera Garante per la Protezione dei Dati Personali 15.05.2014, n. 243Social Privacy – Documento del Garante della Privacy Linee guida in materia di trattamento di dati personali, contenuti anche in atti e documenti amministrativi, effettuato per finalità di pubblicità e trasparenza sul web da soggetti pubblici e da altri enti obbligatiCome tutelarsi nell’era dei social network
Cassazione – Sentenza n.
4331 del 30 gennaio 2014
La Cassazione ha affermato che l’installazione
di telecamere all’interno dell’azienda e puntate
direttamente sui dipendenti, effettuata senza
attendere l’autorizzazione della DTL o l’accordo
con le rappresentanze sindacali, comporta
la responsabilità penale del datore di lavoro,
anche se le stesse risultano spente.
La Suprema Corte evidenzia come vada prioritariamente
tutelato il bene giuridico della riservatezza
del lavoratore e, di conseguenza, il
reato di pericolo a carico del datore può configurarsi
con la mera installazione non autorizzata
dell’impianto di videoripresa, anche se
la telecamera risulta spenta sino al benestare
dell’Ispettorato del Lavoro.