• martedì , 19 Novembre 2019

Le cose crollano

I conflitti tra culture in un caposaldo della letteratura mondiale

 

di Enrica Bienna

 

Consigliato a

achebe-le-cose-crollanoTutti i docenti. Per l’ampiezza dell’orizzonte culturale e il confronto di punti di vista che offre. Aspetti, questi, che dovrebbero far parte del patrimonio di tutti i docenti.

Studentesse e studenti della scuola secondaria di secondo grado. In questa fascia d’età occorrerebbe curare l’apertura ai mondi altri, una visione multi prospettica della contemporaneità e il superamento degli stereotipi.

L’amico che me ne ha consigliato la lettura mi ha detto:”Questo libro mi è venuto incontro…” . Così a volte succede curiosando tra gli scaffali di una libreria, di trovarsi tra le mani, quasi per attrazione, una storia di  grande fascino e un’opera di grande respiro culturale, che ci  fa spaziare  in territori  nuovi, almeno per noi.  Fresco di ristampa in Italia, “Le cose crollano” è il romanzo più conosciuto e importante di Chinua Achebe, uno dei maestri della letteratura africana e personaggio culturale di spicco: saggista, docente di letteratura e scrittore di lingua inglese famoso nel  mondo, insignito di numerose lauree e premi, scomparso di recente. Il libro, pubblicato in lingua inglese per la prima volta nel 1958, riscosse subito un grande successo e fu tradotto in 50 lingue. Oggi viene adottato e letto in moltissime scuole africane. Racconta la grande epopea della occupazione dell’Africa da parte degli occidentali e del conflitto tra le due culture.

PER CONTINUARE A LEGGERE QUESTO ARTICOLO DEVI ESSERE ABBONATO! Clicca qui per sottoscrivere l’abbonamento