• martedì , 7 Luglio 2020

Lo scoglio della solitudine

a cura di Daniela Canitano

(docente di musica nella scuola secondaria di I grado)

La passione ribelle – Paola Mastrocola – Editori Laterza
Un titolo attraente, uno stile incisivo, un contenuto ‘scottante’: la passione per lo studio.
È vero quello che si dice nell’incipit: oggi nessuno (o quasi) studia più e molti considerano il tempo impiegato per studiare tempo perso o vano perché…vuoi mettere l’attrazione della vita pulsante fuori di casa?
Oggi è più importante essere presente in piazza o nei “posti che contano” piuttosto che rimanere seduti a scervellarsi su matematica, latino, storia, scienze…
Ho condiviso molto del pensiero dell’Autrice, soprattutto quell’aggettivo “ribelle” accostato allo studio perché anche io sono convinta che studiare ore su ore sia una forma di ribellione all’omologazione, all’asservimento, al pensiero standard, al livellamento verso il basso…però…però, leggendo il testo, c’è stato qualcosa che mi ha creato disagio, un disagio personale, professionale che mi ha spinto a scrivere queste righe che non vogliono solo recensire un buon libro, un libro che fa riflettere e pure molto; scrivo anche per esprimere il mio disappunto sulla considerazione che la Mastrocola ha della scuola, degli insegnanti, degli altri…



PER CONTINUARE A LEGGERE QUESTO ARTICOLO DEVI ESSERE ABBONATO! Clicca qui per sottoscrivere l’abbonamento