• martedì , 19 marzo 2019

Scuola militante: lottare contro, lottare per

di Rita Bortone

 

La vuotezza del contro quando è privo di un per

In un articolo pubblicato tempo fa vagheggiavo il recupero di una categoria obsoleta: quella della scuola militante, in cui la militanza avesse un senso diverso rispetto a quello diffuso nel mondo ideologico degli anni ‘70.

Certo, l’esser militante implica sempre e comunque l’idea di una lotta, e la lotta implica sempre e comunque un nemico e un fine, un lottare per e un lottare contro.

PER CONTINUARE A LEGGERE QUESTO ARTICOLO DEVI ESSERE ABBONATO! Clicca qui per sottoscrivere l’abbonamento