• giovedì , 25 Luglio 2024

FPP: il grande polo catalano dell’informazione

Intervento di Laura Casamitjana, giornalista di Fundació Periodisme Plural

La missione principale della “Fondazione Giornalismo Plurale” con sede a Barcellona è di creare piattaforme che consentano l’esercizio del giornalismo indipendente e contribuiscano alla trasformazione sociale e alla difesa dei diritti umani. Tutti i media creati da FPP vogliono essere utili alle comunità che sono in prima linea nella difesa dei diritti fondamentali, con un’attenzione particolare all’educazione. In quest’ottica, dal 2014 pubblichiamo giornali specializzati nel settore dell’istruzione. E nel 2017 abbiamo lanciato una pubblicazione per venire incontro alle esigenze di informazione degli adolescenti e dei giovani, coinvolgendo gli insegnanti.

È stata quindi questa specifica esperienza a farvi aderire al progetto XQ the News?

Il nostro principale contributo è proprio nel legame tra giornalismo ed educazione, che è stato l’essenza della nostra azienda editoriale fin dalla sua nascita nel 2012. Sia XQ the News che RevistaXQ, precedentemente pubblicata dalla Plural Journalism Foundation, sono concepiti come strumenti educativi: sia nella forma che nei contenuti, offrono a insegnanti e genitori uno strumento efficace per spiegare l’attualità ai loro studenti o figli. www.xqthenews.comvuole essere un vero e proprio media inclusivo, con lettura facile, test di comprensione e attività complementari. Un’isola di credibilità per gli studenti. Più informazioni ci sono, più è necessaria la funzione di mediazione del giornalista. La funzione di verifica. La funzione di interpretare e analizzare questo immenso flusso di informazioni per dargli un senso, che serva a conoscere e capire la realtà. Per la Fundació Periodisme Plural è una grande soddisfazione essere riusciti, grazie al progetto XQEujoy, a dare una dimensione internazionale alla rivista inclusiva che produciamo dal 2017.

In occasione della settimana di stage legata al concorso per i 18enni, quali attività pensate di organizzare per gli stagisti che vi raggiungeranno a Barcellona?

Gli studenti potranno partecipare all’intero processo giornalistico di una redazione scrivendo un articolo che sarà pubblicato su XQ The News. Accompagnati dai giornalisti della Fondazione, i giovani borsisti potranno sviluppare le loro idee, condividere, discutere ed elaborare i loro pezzi con il supporto di professionisti che li guideranno nello sviluppo dei loro testi. La parte del tirocinio in Spagna è collaborativa e gli studenti faranno parte sia di Octaedro che di FPP, in modo da poter esplorare tutti gli strati del mondo della scrittura, dell’editoria, del giornalismo e della formazione.

Perché avete deciso di investire in un progetto di giornalismo partecipativo per gli adolescenti e i loro insegnanti? Pensate che ci sia un bisogno/urgenza a cui rispondere?

Perché uno dei fattori di segregazione, presente e futura, sarà determinato dalla capacità di accedere o meno a un’informazione di qualità. Il gap culturale sarà enorme tra i giovani che dedicano parte del loro consumo di rete ai media e quelli che utilizzano lo stesso tempo per fonti che, invece di informare, generano contenuti incoerenti o, direttamente, falsità o pregiudizi.

Per esercitare appieno il loro diritto a partecipare alla vita democratica, è essenziale che i giovani abbiano accesso a informazioni pubbliche e socialmente rilevanti che consentano loro di contribuire al ruolo di vigilanza della stampa.

Abbiamo bisogno di politiche inclusive e contro ogni tipo di discriminazione, basata sull’origine, l’identità sessuale, l’età, lo status socio-economico, la religione…. E anche l’analfabetismo mediatico. Soprattutto di fronte alla crescita dell’hate speech e alla negazione dell’evidenza scientifica, a partire dall’emergenza climatica.

Laura Casamitjana

Leave A Comment