• mercoledì , 21 Ottobre 2020

Didattica a distanza: esiti e prospettive dell’azione formativa

Uno sguardo critico, per uno sguardo al futuro

di Antonio Santoro

Abstract

La necessità di uno sguardo critico sulle esperienze realizzate di didattica a distanza per la rilevazione dei risultati formativi e l’individuazione di modalità operative per il prossimo futuro

La Covid-19 costringe ancora dirigenti scolastici ed insegnanti a proporre e a realizzare, in termini esclusivi, attività didattiche a distanza e già si delineano, per l’anno 2020-2021, tra contraddizioni e ripensamenti, modalità nuove  e diverse – didattiche e organizzative – di gestione dei processi di insegnamento e apprendimento. 

C’è comunque un altro essenziale adempimento da non trascurare, al termine delle attività didattiche del corrente anno scolastico, nei diversi livelli di responsabilità istituzionale e soprattutto nelle scuole di ogni ordine e grado: si tratta della necessità di uno sguardo critico su quanto attuato in questo periodo di restrizioni varie, di una valutazione adeguata delle esperienze realizzate che consenta, in particolare, la rilevazione di esiti e, quindi, l’individuazione/definizione di prospettive di azione formativa da porre in essere a partire dal prossimo mese di settembre.

PER CONTINUARE A LEGGERE QUESTO ARTICOLO DEVI ESSERE ABBONATO! Clicca qui per sottoscrivere l’abbonamento